top of page

Comò veneziano sagomato sul fronte e sui fianchi

Comò veneziano di forma sagomata sia sul fronte che sui fianchi, lastronato in noce e radica di noce sia sul fronte che sui fianchi e filettato in legno di acero.

Epoca: terzo quarto del XVIII secolo

Provenienza: Venezia

Materiale: radica di noce, lastronatura in legno di noce, intarsio in acero

Stile: Luigi XV - transizione

Prezzo: 

€ 13 500

Richiedi più informazioni

PRIVACY

Dichiaro di avere compiuto compiuto sedici anni, e se minore di sedici, di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale, pertanto acconsento al trattamento dei miei dati personali così come indicato nella Privacy Policy.

COMUNICAZIONI

Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Per l’inoltro della newsletter, le comunicazioni via telefono (sms, WhatsApp, telefonata vocale)

Dettagli

Piano in radica, filettato in legno di acero e quindi di nuovo lastronato in legno di testa di questo comò veneziano risalente al XVIII secolo

Il Piano

Piano in radica sinuosamente mosso con bordo modanato.

Gambe mosse Luigi XV del commode veneziano del Settecento.

Le Gambe

Sostenuto da quattro slanciati sostegni en cabriole, movimento tipico dello stile Luigi XV.

fronte commode sagomato veneziano

Il fronte

Il fronte, vivacemente sagomato, è ripartito in tre ordini di cassetti, che esibiscono una specchiatura in radica di noce con filettatura in acero e bordura in noce.

mossa veneziana a s del fianco del commode del Settecento.

I fianchi

I fianchi, anch'essi fortemente sagomati, riprendono il motivo di lastronatura e radica del fronte.

I comò veneziani

" Un'incessante, calibratissima modulazione lineare leviga le superfici centinate di questo nutrito gruppo di esemplari, che ricalcano un modello di cassettone assai diffuso nella Venezia di metà '700. Che fosse una tipologia in uso lo dimostrano le gustose descrizioni degli interni della Bottega di un sarto (fig. 102) e del Negozio della Modista (fig. 103), opera di anonimo pittore gravitante nell'ambito di Pietro Longhi ... [...]... In entrambi viene puntigliosamente annotata la gravitante sagoma a cassetti di un comò del tutto simile a quelli in esame. In elegante equilibrio su agili sostegni en cabriole, hanno il prospetto vistosamente bombato, a due o tre ordini di cassetti e fianchi incurvati a "s"....[...]... "I MILLE MOBILI VENETI" C. Santini, Artioli Editore

Autenticità

Il mobile è stato solamente pulito, ogni sua parte è integra e coeva, nessuna sostituzione e non necessita di alcun restauro, pronto da essere posto a parete. 

Per appurarne l'integrità bisogna visionare non solo gli esterni ma anche gli interni:

Interni, fondi e schiena in legno di abete, legno “tenero”  e poco pesante utilizzato dagli ebanisti veneziani per poter trasportare più agilmente i mobili all’interno delle imbarcazioni.

Visionando i cassetti all’interno è possibile notare la presenza dei chiodi del settecento, non perfettamente tondi, in quanto “fatti a mano”. Attorno ad essi si è sviluppato un ossido dato solamente dal passare del tempo.

L’originalità è inoltre riscontrabile dalla bordura degli stessi cassetti che presentano l’usura data dal loro scorrimento.

Serrature e maniglie coeve con meccanismo dell’epoca solamente revisionato.

Inoltre, è già stato esposto presso Modenantiquaria 2020 e di consuguenza passato al vaglio della Commissione esaminatrice.

Bibliografia di comparazione

Di esemplari simili ne possiamo ritrovare all’interno del catalogo “Mille mobili veneti” di Clara Santini figure da 102 a 109.

Misure e materiali

Dimensioni: